Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

  • : Tutto quello che vorresti sapere su....
  • Tutto quello che vorresti sapere su....
  • : Tutto quello che vorresti sapere sui viaggi, gli hotel, i luoghi d'Italia da scoprire, ma anche sull'arredamento, il giardino, l'e-commerce, i libri, le banche, i finanziamenti...
  • Contatti

Cerca Nel Blog

Lasciando la tua e-mail sarai avvisato della pubblicazione di nuovi articoli

10 dicembre 2011 6 10 /12 /dicembre /2011 10:39

La donna e l'Islam. Un tema spinoso, delicato. Eppure affascinante, tutto da esplorare. Quanto e in che misura noi occidentali conosciamo davvero quella cultura? E qual è il ruolo dell'altra metà del cielo da Maometto in poi?

La giornalista americana Sherry Jones ha “indagato” sulle origini di questo rapporto, con un romanzo storico intitolato "A'isha, l'amata di Maometto".
Un libro che è stato proibito dall'Islam e censurato negli Stati Uniti, alla stregua di un volume peccaminoso o proibito, anche se - al di là delle polemiche - è soprattutto la storia del grande amore tra il profeta della religione islamica e la sua sposa bambina e guerriera.
"A'isha, l'amata di Maometto" narra la relazione tra Maometto e A'isha, figlia del primo califfo dell'Islam Abu Bakr, grande alleato del Profeta.

Maometto, all'epoca cinquantenne, quando andava in visita dall'amico, spesso si fermava a giocare con la figlia. Giochi innocenti, tra uno zio e una nipotina. Finché, quando A'isha compie 6 anni, il Profeta non chiede di fidanzarsi con lei e dopo tre anni di fidanzamento-segregazione della poveretta nella casa paterna (durante i quali non poteva uscire fuori dall'uscio né tantomeno vedere maschi), finalmente la sposa.
Il loro è un matrimonio politico, per celebrare un'alleanza (come tanti altri matrimoni che Maometto farà nel corso della sua vita). Ma anche un matrimonio non consumato, perché A'isha è troppo piccola, non sa niente di sesso e vive ancora in un mondo incantato di fiabe e di bambole.
Inizia così la vita della "moglie bambina" di Maometto presso la "corte" del Profeta, situata a Medina, e all'interno del suo harem, tra le altre sorelle-mogli... gelose l'una dell'altra (come peraltro la stessa A'isha).

Il romanzo descrive la vita privata di Maometto, le sue debolezze, i suoi sentimenti, i suoi appetiti sessuali, il suo barcamenarsi in mezzo alle mogli, ma anche la sua paziente politica di tessitura di alleanze, le guerre per affermare la sua autorità, il rapporto con i parenti e gli alleati. Con la presenza, a volte ininfluente a volte invece determinante di A'isha, irruente ma anche molto intelligente, sensibile ma a tratti irrazionale, che col tempo cresce, matura, diventa donna, consuma il matrimonio, s'innamora di lui (ricambiata!) e non di rado influenza le sue decisioni anche politico-militari.
La sposa-bambina col passare degli anni diventa sposa-guerriera (Maometto le insegna ad utilizzare la spada, e le lo fa con coraggio), riesce a conquistare l'amore di Maometto e a diventare la sua favorita e, cosa più difficile di tutti, ad imporre la sua autorità all'interno dell'harem.

Le pagine del romanzo della Jones ci aiutano a comprendere dall'interno il complesso (almeno per noi) mondo islamico e il ruolo delle donne, ma si leggono anche come una storia d'amore, l'amore tormentato e sensuale tra il potente Profeta dell'Islam e una ragazza araba.
Secondo la leggenda, alla quale il romanzo si rifà, Maometto muore tra le braccia di A'isha, quando lei ha soli diciannove anni.
La storia non finisce qui ma ha un prosieguo nel romanzo di Sherry Jones dal titolo “La sposa guerriera”, pubblicato nello scorso mese di maggio, nel quale si parla di come ella, dopo la morte del Profeta, diventa un punto di riferimento per la comunità islamica come "madre dei credenti", grazie alla profonda conoscenza della filosofia maomettiana.
 

Edito da Newton Compton, il libro consta di 416 e lo si acquista in libreria al prezzo di 6,90 euro.


aisha.jpg

Condividi post

Repost 0
Published by lisanna - in Libri
scrivi un commento

commenti

writergioia 12/10/2011 12:23

Sarà sempre una domanda che non avrà risposta. Troppe idee diverse, lontane anni luce dalle nostre. Il mistero che le avvolge e che in un certo senso ci conquista, neanche vivendo con loro mille
anni, potrà essere svelato.........