Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

  • : Tutto quello che vorresti sapere su....
  • Tutto quello che vorresti sapere su....
  • : Tutto quello che vorresti sapere sui viaggi, gli hotel, i luoghi d'Italia da scoprire, ma anche sull'arredamento, il giardino, l'e-commerce, i libri, le banche, i finanziamenti...
  • Contatti

Cerca Nel Blog

Lasciando la tua e-mail sarai avvisato della pubblicazione di nuovi articoli

28 febbraio 2013 4 28 /02 /febbraio /2013 07:46

Le "Idi di Marzo" racconta gli ultimi giorni di Giulio Cesare, un uomo capace di suscitare forti sentimenti e passioni, dotato di un enorme carisma, un militare che sogna ancora grandi conquiste per Roma.
Il romanzo di Valerio Massimo Manfredi conquista e affascina sin dalle prime pagine, per la sua maestria nel descrivere episodi storici realmente accaduti e nell’introdurre personaggi e dettagli di fantasia. L'autore è straordinario nel tratteggiare i protagonisti di Roma antica e nel rappresentarli nelle loro grandezze e debolezze. E la ricostruzione della “scenografia” e dei fatti è precisa, accurata, dettagliata ed appassionat.

Che "romanzo" le "Idi di Marzo"!
Da un lato la folle corsa per scongiurare l'inevitabile destino del più grande condottiero di Roma. Il tentativo disperato di cambiare la storia. Di far fallire il complotto ordito dai senatori per uccidere il Divo Iulio Cesare. Dall'altro la lotta per la libertà condotta da un gruppo di uomini, capitanati da Bruto, pronti a morire per l'ideale della Repubblica e per impedire la tirannide. Sullo sfondo la capitale d'Italia, allora caput mundi, e una folla di personaggi solo apparentemente comprimari.
Anche questo libro di Valerio Massimo Manfredi, valente archeologo e studioso di topografia del mondo antico, conquista e affascina, per la sua maestria nel descrivere episodi storici realmente accaduti (come si può evincere dall'appendice finale del libro) e nell’introdurre personaggi e dettagli di fantasia.
Le "Idi di Marzo" racconta gli ultimi giorni di Giulio Cesare, il viale del tramonto del grande personaggio storico, tanto amato dal popolo quanto odiato e temuto da molti dei dirigenti della Roma di allora. Un uomo capace di suscitare forti sentimenti e passioni, dotato di un enorme carisma nei confronti dei sottoposti e generoso verso la gente e capace di perdonare i nemici, purché si schierino dalla sua parte. Un militare che sogna ancora grandi conquiste per Roma, pronto com'è a partire per una nuova spedizione, contro i Parti, ma che allo stesso tempo vorrebbe la pace nei confini interni, agogna la fine delle guerre civili che stanno dilaniando la repubblica e considera la sua dittatura perpetua non come un obiettivo strategico ma come uno strumento temporaneo per ottenere la stabilità di Roma e una maggiore tranquillità.

Il racconto segue vari filoni e varie storie.
Le vicende dei fidati collaboratori di Cesare, centurioni, medici, insegnanti, pronti a rischiare la vita per salvarlo, in estenuanti viaggi per l'Italia o spiando i possibili autori del complotto.   Anche se il destino, il terribile destino, non può essere fermato.
Le vicende delle donne di Cesare, dalla moglie Calpurnia, affettuosa e premonitrice, all'amante Servilia, madre di Bruto, fino all'opportunista Cleopatra, ammaliatrice quanto cinica, interessata più che altro a dare un futuro di re al figlio avuto con Cesare.
Le vicende dei "repubblicani" Bruto, Cassio e compagni, i quali tutti debbono qualcosa al divino Iulio, e ciò nonostante vogliono abbattere il pericolo che egli rappresenta: la fine della Repubblica e l'instaurazione della dittatura, della tirannide. Una battaglia in nome della quale, nel caso in cui l'esito sia negativo, sono pronti a togliersi la vita, uccidendosi l'uno con l'altro, suicidi per la libertà.

Il racconto culmina nelle Idi di Marzo, nel giorno tragico dell'uccisione di Cesare, con ben ventitré coltellate.

Un romanzo storico che si legge tutto d'un fiato e che fra l'altro rivela aneddoti poco noti ai più. Si scopre ad esempio che anche Giulio Cesare soffriva del cosiddetto "morbo sacro", l'epilessia che colpì un altro grande condottiero, Alessandro il Macedone. Ed è emozionante entrare dentro la psicologia di Cesare, che al tempo stesso voleva essere osannato dal popolo ma non voleva essere considerato un tiranno. Colpisce anche il personaggio di Bruto, ricco di dignità e di coraggio.
 Manfredi è straordinario nel tratteggiare i protagonisti di Roma antica e nel rappresentarli nelle loro grandezze e debolezze. E la ricostruzione della “scenografia” e dei fatti è precisa, accurata, dettagliata, appassionata. Sembra quasi di esserci e di vivere quei tragici momenti dal vivo.

Edito da Mondadori il libro consta di 259 pagine e lo si acquista in libreria al prezzo di euro 18,60. 

 

 Valerio-Massimo-Manfredi-Idi-Di-Marzo.jpg

Condividi post

Repost 0
Published by lisanna - in Libri
scrivi un commento

commenti

Luna 11/22/2011 18:50

Deve essere carino!!! Grazie del consiglio

Ricordo 11/18/2011 18:30

non sempre si può cambiare la storia , purtroppo!

MEDIAVERTIGO 11/17/2011 14:01

ben vengano queste opere, ravviviamo la cultura in tutti i suoi aspetti

mietta 11/17/2011 11:14


voglio leggerlo


Rosario 11/17/2011 09:05


Pensante sto Manfredi.....