Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog

  • : Tutto quello che vorresti sapere su....
  • Tutto quello che vorresti sapere su....
  • : Tutto quello che vorresti sapere sui viaggi, gli hotel, i luoghi d'Italia da scoprire, ma anche sull'arredamento, il giardino, l'e-commerce, i libri, le banche, i finanziamenti...
  • Contatti

Cerca Nel Blog

Lasciando la tua e-mail sarai avvisato della pubblicazione di nuovi articoli

/ / /

Con Facebook ci sentiamo tutti più vicini! E a dirlo non è solo la home del social network più utilizzato al mondo, ma oggi è anche la scienza.

Uno studio del Laboratory of Web Algorithmics dell’Università di Milano ha difatti dimostrato che per connettere una persona all’altra del pianeta adesso occorrono 4,74 passaggi, contro i 6 che necessitavano in passato. Nel 1967 infatti il sociologo americano Stanley Milgram aveva formulato la cosiddetta “teoria del mondo piccolo”, basando il suo studio su un gruppo di 296 volontari americani, chiedendo loro di inviare un pacchetto ad un estraneo che abitava a migliaia di chilometri di distanza, di cui conoscevano le generalità ma non l’indirizzo preciso. A costoro fu così chiesto di inviare il pacchetto  ad un proprio conoscente, che avesse  più probabilità di conoscere il destinatario finale e costui avrebbe poi fatto lo stesso con i suoi conoscenti. Al termine del test si è visto che quel pacchetto è arrivato a destinazione solo dopo 5 o 7 passaggi.

I tempi cambiano e con l’avvento di internet il percorso si è accorciato di molto.

Questa volta per condurre l’esperimento di Milgram si è fatto riferimento ad un gran numero di utenti - il campione più grande mai analizzato in uno studio – se si pensa che ad essere analizzati sono stati circa 721 milioni di utenti del social network, e le loro relazioni (circa 69 miliardi).
Ebbene, utilizzando una serie di algoritmi i ricercatori hanno dimostrato che con Facebook la distanza media fra le persone si è ridotta, passando da 6 a 4,74 passaggi. Ma non solo! Si è visto anche che il limite scende ulteriormente se si prendono in considerazione le relazioni tra persone che abitano nella stessa nazione.

Su Facebook però, a differenza dello studio condotto da Milgram che prevedeva che almeno uno dei contatti di passaggio fosse “una conoscenza personale”, è difficile fare la distinzione tra amici reali e presunti tali, ed è per questo che nell’analisi dei 69 miliardi di relazioni non se n’è tenuto conto.

Ma non c’è dubbio che con Facebook è più facile connettersi al mondo!

 

Tratto da: articolo a firma di Simona Marchetti pubblicato il 23 novembre 2011 su Corriere.it.
link: http://www.corriere.it/cronache/11_novembre_23/gradi%20di%20separazione-simona-marchetti_57c62ae6-15ce-11e1-abcc-e3bae570f188.shtml

 

Condividi pagina

Repost 0
Published by